L'allenatore della Juventus Maurizio Sarri ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match tra Roma e Juventus che andrà in scena domenica sera allo stadio Olimpico. Queste le sue dichiarazioni.

Che risposta deve dare la partita con la Roma? Vedremo turn over?
"Sarà una partita difficile in cui dobbiamo cercare la continuità. Spesso abbiamo fatto gare con interpretazioni differenti all'interno dei 90 minuti. Ora dobbiamo proseguire su quanto fatto con il Cagliari. Può darsi ci sia qualche rotazione".

Che idea si è fatto di Fonseca?
"A inizio campionato l'avevo considerato tra le possibili sorprese, mi sembra stia facendo un buon calcio e che stia dando una grande impronta alla sua squadra".

Cambia qualcosa se la Roma gioca con una difesa a tre?
"Se andiamo in pressione ci cambiano i movimenti difensivi. Ma abbiamo già giocato contro squadre con una difesa a tre, non sarebbe una novità".

Quanto è importante Higuain?
"Cambia qualcosa perché Ronaldo e Dybala liberano l'area di rigore con i loro movimenti. Chiaramente Higuain ci risolve determinate situazioni con le sue caratteristiche. Il potenziale offensivo è elevato".

Che regalo può farle la squadra per il compleanno?
"La squadra può portarmi i tre punti con la Roma. Alla mia età non chiedo più regali per il compleanno (ride n.d.r.)".

Cosa preoccupa di più della Roma?
"Una squadra che può dare grandi accelerazioni e strappi, ha continui capovolgimenti di fronte e bisogna non farsi strappare in due da loro".

Come sta De Ligt? Giocherà?
"De Ligt sta meglio, l'acciacco al pube è in miglioramento così come quello alla spalla. La sensazione è che stia tornando ai suoi livelli".

Quanto hai dovuto sforzarti per fare rotazioni?
"Non mi sono dovuto sforzare. A Napoli, in quel momento, era importante dare continuità a quella formazione. Questa è una situazione totalmente diversa rispetto alle precedenti. Considerata la qualità dei giocatori a disposizione può cambiare poco con 2-3 sostituti a partita".

Chiede a Ramsey e a Rabiot di occupare l'area di rigore?
"Chiunque giochi da trequartista può farlo. Bisogna sfruttare gli spazi che aprono gli attaccanti. Khedira è il più bravo di tutti ad inserirsi, ma è chiaro che anche gli altri debbano adattarsi. Rabiot può migliorare ancora molto in questo".