Il Cardiff City presenta ricorso al Tas contro il Fc Nantes per l'affare Emiliano Sala. La Fifa aveva infatti stabilito che il club gallese, che milita nella Championship, avrebbe dovuto versare al Nantes la prima rata da 6 milioni di euro previsti per il trasferimento dell'attaccante argentino tragicamente deceduto nel gennaio del 2019 a seguito di un incidente aereo. Ma il Cardiff non è d'accordo e si è rivolto al Tas. Ecco il comunicato.

"Il Tribunale Arbitrale dello Sport (TAS) ha registrato l'appello presentato dal Cardiff City Football Club contro il Football Club de Nantes in relazione alla decisione emessa dalla FIFA il 30 ottobre 2019. In tale decisione, il Cardiff City è stato condannato a pagare EUR 6.000.000 all'FC Nantes in relazione al trasferimento tra le squadre del giocatore Emiliano Sala".

L'appello proposto dalla società gallese: "Il Cardiff City FC chiede di annullare la decisione impugnata e chiede al TAS di dichiarare che nessun importo dovrà essere pagato dal Cardiff City FC all'FC Nantes. In conformità al Codice di arbitrato relativo allo sport, alle norme che disciplinano le procedure TAS, è stata aperta una procedura di arbitrato di appello. I consulenti del Cardiff City FC e dell'FC Nantes hanno concordato di stabilire un calendario procedurale ad hoc. È probabile che un'audizione venga fissata nella primavera del 2020. Non è previsto un premio finale prima di giugno 2020. Il TAS non commenterà ulteriormente il procedimento in corso".