Arriva a conclusione la vicenda della vecchia società U.S. Città di Palermo che da questa mattina, a seguito della decisione da parte dei giudici del tribunale fallimentare del capoluogo siciliano, è ufficialmente fallita. A nulla è valsa l'offerta di 10 milioni del figlio dell'ex presidente Maurizio Zamparini, Andrea, per riuscire a risanare i debiti societari e trovare un concordato con i creditori. L'obiettivo era, infatti, quello di cercare di evitare la bancarotta e le inevitabili conseguenze giudiziarie a questa legate.

Nonostante la decisione odierna sia la conclusione ufficiale del procedimento aperto nel luglio scorso, la squadra del capoluogo siciliano aveva già, da qualche mese, iniziato il suo percorso di rinascita attraverso il cambio di società e di nome. La rinnovata S.S.D. Palermo, infatti, riparte quest'anno dal Campionato Nazionale Dilettanti militando nel girone I che sta guidando a punteggio pieno.