Piove sul bagnato in casa Neymar. Dopo essere stato squalificato dall'Uefa per tre giornate della prossima Champions League, l'attaccante brasiliano si è reso protagonista di un altro episodio controverso al termine di Rennes-Psg. Avanti per 2-0 anche grazie ad una sua rete, il club parigino si è fatto raggiungere, perdendo poi ai calci di rigore la finale di Coppa di Francia. A fine gara, quasi tutti i giocatori del Psg sono stati insultati e ripresi da uno spettatore che, rivolgendo all'ex Barça la frase "impara a giocare a calcio" ha suscitato la reazione dell'attaccante. Dopo aver provato a togliere il cellulare al tifoso, Neymar lo ha colpito con una manata. "Ho sbagliato a reagire nel modo in cui ho reagito, ma non ho il sangue di uno scarafaggio", ha detto Ney qualche ora dopo l'accaduto, mentre Alex Bernardo, consulente d'immagine dell'agenzia che cura gli interessi del giocatore, ha evidenziato le responsabilità dello spettatore: "Non voglio discutere se sia stata la maniera migliore per risolvere la questione, ma quel tifoso se lo meritava. Ha detto 'Buffon ritardato', 'Kurzawa non voglio i tuoi complimenti', 'Verratti razzista' e 'Neymar impara a giocare a calcio'. Questo tipo di comportamento non è accettabile... Neymar ha solo difeso sé stesso e i compagni, come ha sempre fatto". 

Visualizza questo post su Instagram

Não vou discutir se é a maneira mais correta de resolver o assunto. Mas que foi MERECIDO, foi ! Veja o que o "torcedor" falou E GRAVOU !! "Buffon você é retardado" "Kurzawa não quero seus cumprimentos" "Verratti racista" "Neymar, aprenda a jogar futebol" Este é o tipo de comportamento que não pode ser admitido. Jogadores de cabeça quente após perder uma final de campeonato e um IDIOTA provocando-os. Certinho ele, né ? Não li uma crítica ao comportamento desse "torcedor". MERECEU ! . @neymarjr , como sempre, defendeu a si mesmo e a seus companheiros de ofensas. Quem o defenderá de ter ido em defesa dos companheiros de time ? Alguém ? #respeito #respect #neymar #neymarjr #njr

Un post condiviso da Alex Bernardo (@alexbernardo_) in data: