Non ammette scuse l'ex difensore juventino, Lilian Thuram, che, dopo le parole di Leonardo Bonucci nel post partita di Cagliari-Juventus riferite all'esultanza di Moise Kean, ha duramente criticato il difensore bianconero a Le Parisien. Queste le sue dichiarazioni:

"Dice che Moise se l'è cercata e così dice qualcosa che molti pensano: che i neri si meritano ciò che capita loro. A causa di gente così non avanzano le cose. Sono propositi vergognosi. A Moise dico di essere fiero nelle avversità come dovrebbero fare tutte le persone di colore davanti a persone come Bonucci che vorrebbero che si rassegnassero. Poi Thuram ha proseguito: "La domanda giusta da fare a Bonucci invece sarebbe: cosa ha fatto Kean per meritarsi tanto disprezzo? Bonucci non dice mai ai tifosi che hanno torto, ma a Kean che se l'è cercata. È come quando una donna viene stuprata e c'è chi parla del modo in cui era vestita. Bonucci non è stupido, ma ha una certa idea della società e i suoi propositi sono solo vergognosi. Bisogna essere chiari sul razzismo. Quei ‘buu' rappresentano il disprezzo verso tutte le persone, compresi i bambini, che hanno il colore della pelle di Kean. Ogni volta tutti dicono che la prossima volta la partita sarà sospesa, ma non succede mai. Constato che le istanze del calcio se ne fregano. Se fosse davvero stato un problema, la gara sarebbe stata fermata. La squadra avrebbe dovuto lasciare il campo e una soluzione si sarebbe trovata".