Alla vigilia della sfida contro il Braga, l'allenatore della Roma Paulo Fonseca, ex della sfida, ha rilasciato alcune dichiarazioni al portale portoghese O Jogo e al sito della Uefa:

Fonseca alla Uefa

I tuoi tre principi fondamentali come allenatore?
"Passione, disciplina e ambizione. Per cominciare, penso che dovremmo avere una passione per tutto ciò che facciamo e dobbiamo trasmetterla per avere successo. Sono appassionato di quel che faccio. Sono appassionato del mio lavoro. Ovviamente, questo è uno dei principi che penso dovrebbero essere instillati nella squadra. Se non siamo appassionati o entusiasti di quello che facciamo, ovviamente, tutto il resto sarà molto più difficile. Poi c'è la questione della disciplina, fondamentale per il nostro lavoro. Dobbiamo averla in ciò che facciamo, in ciò che trasmettiamo agli altri e nella formazione di un'identità all'interno della squadra. La disciplina è qualcosa a cui non possiamo rinunciare. Avere una squadra disciplinata è la chiave per creare un'identità che è qualcosa che noi, come allenatori, cerchiamo. Poi c'è l'ambizione. È importante trasmettere l'ambizione ai giocatori e alla squadra nel suo insieme. Giochiamo per vincere. Dobbiamo essere senza paura. Dobbiamo essere fiduciosi nel nostro gioco. Questi sono tre principi che considero fondamentali per il successo di una squadra".

Il tuo percorso alla Roma, dove sei da 18 mesi?
"Allenare in Italia è molto impegnativo e molto diverso da quello che mi aspettavo. Ma, 18 mesi dopo, posso tranquillamente affermare che abbiamo creato un'identità come squadra. I giocatori ora sono più ambiziosi e, come allenatore, sento anche di aver perfezionato la mia tecnica. In questi 18 mesi sento che la squadra ha fatto grandi progressi e che ora siamo molto più forti di quando sono arrivato qui. Gli allenatori in Italia affrontano un altro problema: visto il numero di gare, non abbiamo molto tempo per allenarci. I giocatori devono recuperare dopo ogni partita e penso che la continuità sia fondamentale".

L'Europa League?
"Questa competizione è molto difficile; Mi piace definirla una 'mini Champions League', piuttosto che Europa League, perché sono coinvolte ottime squadre. La scorsa stagione abbiamo perso contro la squadra che ha poi vinto il trofeo, e questo la dice lunga. Il Siviglia è una squadra molto forte. Questa stagione abbiamo fatto un ottimo girone, ma ora siamo nella fase eliminatoria e affronteremo una squadra molto forte come il Braga. Ovviamente sappiamo che nelle partite a eliminazione diretta non possiamo sbagliare. Dovremo fare buone prestazioni, perché saranno partite molto difficili".

A proposito del Braga, lo hai già allenato.
"Ho dei ricordi meravigliosi e non si tratta solo di quello che abbiamo ottenuto sul campo. Il trofeo che abbiamo vinto è stato il rapporto che abbiamo costruito nel club. Non ho parole per descrivere quello che provo per queste persone, quello che provo per il Braga. Sarà difficile affrontarli, ma sarà bello vedere i miei vecchi amici, vedere un club e un posto dove sono stato felice".

I punti di forza del Braga?
"Mi aspetto una partita molto difficile. Li conosco molto bene, conosco il loro allenatore, Carlos Carvalhal, un tecnico di alto livello. Carlos sta facendo un lavoro magnifico. Il Braga è una squadra con una propria identità e sarà una gara molto dura per noi. Loro sono una delle squadre più forti del Portogallo e, come ho detto, hanno una propria identità e non riesco a identificare alcun punto debole. Nel complesso è una squadra molto ben organizzata e molto ben allenata, forte in tutte le situazioni di gioco, il che significa che saranno due partite molto difficili".

Il rapporto con Carvalhal e un regalo molto speciale.
"Abbiamo un ottimo rapporto. Gli ho anche detto che lo aspetta una bottiglia di vino italiano. Carlos è un ottimo allenatore, una grande persona, lo ammiro molto e sarà bello passare un po' di tempo con lui dopo la partita. Sarà bello vederlo".

Sarà un vantaggio affrontare una squadra portoghese?
"Onestamente non credo sia un vantaggio. Ovviamente tornerò nel mio paese, rivedrò vecchi amici, ma questo Braga è diverso da quando c'ero io. Quindi non credo sia un vantaggio essere un allenatore portoghese contro una squadra portoghese. Quello che può essere visto come il nostro unico vantaggio è che seguo regolarmente il campionato portoghese, guardo le partite del Braga molto da vicino. Ciò non significa che non segua altri campionati: tuttavia, non lo vedo come un vantaggio".

La voglia di vincere l'Europa League della Roma.
"La Roma è un club ambizioso e si avvicina sempre di più alla vittoria di trofei, che non ha vinto regolarmente negli anni. Niente mi darebbe più soddisfazione del regalare un trofeo ai tifosi della Roma, che sono meravigliosi e con tanta passione. Vorrei ricambiare questa passione con buoni risultati. Tuttavia, dobbiamo restare con i piedi per terra ed essere realistici riguardo alle nostre possibilità. Per me questa Roma dovrebbe concentrarsi solo sulla prossima partita, che sarà molto difficile. Penso che sia impossibile per qualsiasi squadra di Europa League prevedere chi vincerà. Ci sono così tanti top che è difficile pronosticare un vincitore. Faremo tutto il possibile per essere noi. Ma il nostro unico obiettivo è la nostra prossima partita contro il Braga".

Ti sei vestito da Zorro quando con lo Shakhtar hai raggiunto gli ottavi di Champions League. Cosa farai se vincerai l'Europa League con la Roma?
"Non ho in programma nulla né ci penso, ma chi lo sa? Qualcosa può succedere! Penso che a volte i momenti nel calcio dovrebbero essere celebrati in un modo unico. Tuttavia, non ho piani simili per il futuro. Dipende da molte cose, ma può succedere, può succedere".

Fonseca a O jogo

Sul Braga.
"Ho visto praticamente tutte le loro partite, in modo particolare contro lo Sporting Lisbona e Porto. Hanno un grande allenatore e giocano un calcio offensivo che mi piace molto. Non ho dubbi e ho già avvertito tutti, sarà una sfida molto difficile".

Sarà una sfida andata e ritorno, quale sarebbe un buon risultato per voi?
"Ovviamente la vittoria, anche se siamo consapevoli che sarà molto difficile".

Come arriva la Roma a questo incontro?
"Stiamo bene, siamo motivati e attraversiamo un buon momento. Abbiamo qualche problema in difesa, dove non avremo né Smalling né Kumbulla. Dal centrocampo in su, siamo invece a pieno organico e sarà a disposizione anche El Shaarawy, nonostante non sia al 100%".

Sono risolti i problemi con Dzeko?
"Sì, completamente".

Avete l'obiettivo di arrivare più avanti in Europa League rispetto allo scorso anno?
"Non abbiamo obiettivi definiti. Dopo un certo punto, l'Europa League diventa una mini Champions League con tante squadre forti ed è difficile capire cosa accadrà. Dobbiamo pensare a un passo alla volta. Non è possibile dire, ora, di poter vincere il trofeo con tante squadre forti in campo. Ovviamente, vogliamo andare più avanti possibile. Lo scorso anno siamo stati eliminati dai vincitori della competizione. Quest'anno, con un anno in più di lavoro, cercheremo di fare meglio".

Sul campionato della Roma.
"Siamo terzi e molti ci davano inizialmente al sesto/settimo posto. Stiamo giocando bene, siamo motivati e l'obiettivo è di tornare in Champions, pur essendo consapevoli che in Serie A ci sono 6-7 squadre molto forti. La Serie A è tra i 5 migliori campionati in Europa, con il numero più alto di squadre in lotta per la Champions. Difficile prevedere cosa accadrà ma la nostra ambizione è di tornare in Champions".

A volte la Roma ha dei cali di concentrazione.
"Creiamo molto ma subiamo più gol di quanto ci saremmo aspettati. Gli expected goals contro sono bassi, ma la realtà è che gli avversari riescono poi a segnarci. Alcuni cali di concentrazione sono stati ben sfruttati dai nostri avversari. Non penso, però, che non siamo forti in difesa. Concediamo poco agli avversari".

Come mai faticate contro le grandi?
"Non possiamo negarlo. Ovviamente è importante ottenere i tre punti e vale lo stesso se arrivano contro la Juventus o contro l'Udinese. Penso che il problema nei big match sia stato il risultato, non la prestazione che è stata buona. Un esempio è il match contro la Juventus: li abbiamo costretto a fare un gioco difensivo. Hanno fatto 3 tiri e 2 gol. Abbiamo giocato male nel derby e nel secondo tempo contro l'Atalanta ma, nella maggior parte dei casi, siamo stati molto competitivi".

Conta anche l'esperienza?
"Sì, abbiamo una squadra molto giovane, soprattutto in difesa. L'esperienza in questo tipo di gare conta molto in Italia".

Alla vigilia della sfida contro il Braga, l'allenatore della Roma Paulo Fonseca, ex della sfida, ha rilasciato alcune dichiarazioni al portale portoghese O Jogo. Ecco alcune delle sue dichiarazioni.

Sul Braga.
"Ho visto praticamente tutte le loro partite, in modo particolare contro lo Sporting Lisbona e Porto. Hanno un grande allenatore e giocano un calcio offensivo che mi piace molto. Non ho dubbi e ho già avvertito tutti, sarà una sfida molto difficile".

Sarà una sfida andata e ritorno, quale sarebbe un buon risultato per voi?
"Ovviamente la vittoria, anche se siamo consapevoli che sarà molto difficile".

Come arriva la Roma a questo incontro?
"Stiamo bene, siamo motivati e attraversiamo un buon momento. Abbiamo qualche problema in difesa, dove non avremo né Smalling né Kumbulla. Dal centrocampo in su, siamo invece a pieno organico e sarà a disposizione anche El Shaarawy, nonostante non sia al 100%".

Sono risolti i problemi con Dzeko?
"Sì, completamente".

Avete l'obiettivo di arrivare più avanti in Europa League rispetto allo scorso anno?
"Non abbiamo obiettivi definiti. Dopo un certo punto, l'Europa League diventa una mini Champions League con tante squadre forti ed è difficile capire cosa accadrà. Dobbiamo pensare a un passo alla volta. Non è possibile dire, ora, di poter vincere il trofeo con tante squadre forti in campo. Ovviamente, vogliamo andare più avanti possibile. Lo scorso anno siamo stati eliminati dai vincitori della competizione. Quest'anno, con un anno in più di lavoro, cercheremo di fare meglio".

Sul campionato della Roma.
"Siamo terzi e molti ci davano inizialmente al sesto/settimo posto. Stiamo giocando bene, siamo motivati e l'obiettivo è di tornare in Champions, pur essendo consapevoli che in Serie A ci sono 6-7 squadre molto forti. La Serie A è tra i 5 migliori campionati in Europa, con il numero più alto di squadre in lotta per la Champions. Difficile prevedere cosa accadrà ma la nostra ambizione è di tornare in Champions".

A volte la Roma ha dei cali di concentrazione.
"Creiamo molto ma subiamo più gol di quanto ci saremmo aspettati. Gli expected goals contro sono bassi, ma la realtà è che gli avversari riescono poi a segnarci. Alcuni cali di concentrazione sono stati ben sfruttati dai nostri avversari. Non penso, però, che non siamo forti in difesa. Concediamo poco agli avversari".

Come mai faticate contro le grandi?
"Non possiamo negarlo. Ovviamente è importante ottenere i tre punti e vale lo stesso se arrivano contro la Juventus o contro l'Udinese. Penso che il problema nei big match sia stato il risultato, non la prestazione che è stata buona. Un esempio è il match contro la Juventus: li abbiamo costretto a fare un gioco difensivo. Hanno fatto 3 tiri e 2 gol. Abbiamo giocato male nel derby e nel secondo tempo contro l'Atalanta ma, nella maggior parte dei casi, siamo stati molto competitivi".

Conta anche l'esperienza?
"Sì, abbiamo una squadra molto giovane, soprattutto in difesa. L'esperienza in questo tipo di gare conta molto in Italia".

di: La Redazione