Arriva oggi a Roma un altro acquisto firmato Monchi: Davide Santon, terzino dell'Inter incluso che ha portato Nainggolan in nerazzurro e il promettente Zaniolo in giallorosso, oltre a 24 milioni. Santon, originario del ferrarese, ha iniziato la carriera nel Ravenna e ha collezionato otto presenze in Nazionale. Arriva a Roma dove, anche grazie alla sua polivalenza, potrà fornire un'ulteriore alternativa sia per dare riposo a Kolarov sulla fascia sinistra sia per alternarsi con Florenzi e Karsdorp sulla destra. L'arrivo di Santon è previsto per le 23.22 all'Aeroporto di Fiumicino. 

Nome: Davide Santon
Età: 27
Data di nascita: 2/01/1991
Luogo di nascita: Portomaggiore (FE), Italia
Altezza: 1,86
Peso: 83 Kg
Piede: Destro
Squadra: FC Internazionale
Scadenza contratto: 30/06/2019
Ruolo: Terzino sinistro - terzino destro
Nazionalità: Italiana
Procuratore: Vigo Srls
Presenze in gare ufficiali 2017-18: 15 presenze totali in Serie A
Gol: //
Assist: 1

Palmares: 2 Scudetti, 2 Coppe Italia, 1 Champions League, 1 Campionato del mondo per club

Precedenti squadre: Il suo primo periodo interista lo trascorre tra il 1/07/2008 e il 30/01/2011 quando poi viene ceduto in prestito al Cesena fino all'estate dello stesso anno. In quella stessa estate viene ceduto al Newcastle Utd. Dopo una non troppo lunga esperienza inglese torna all'Inter il 2/02/2015 sotto forma di prestito con diritto di riscatto. Il 1/07/2015 torna ad essere ufficialmente un giocatore nerazzurro.

Giovanili: Ha giocato prima nelle giovanili del Ravenna Calcio e successivamnete in quelle dell'Inter dove poi è riuscito ad ottenere un posto in prima squadra.

Presenze in Nazionale in carriera: Ha totalizzato 8 presenze in nazionale maggiore. Tra l'Italia U21 e l'Italia U16 è riuscito a totalizzare 33 presenze.

Prezzo pagato dalla squadra di provenienza: L'Inter ha ricomprato Santon dal Newcastle Utd. il 1/07/2015 per 3.70 milioni €

Descrizione tattica

Parliamo di un terzino adattabile sia a sinistra (ruolo preferito) che a destra, portato più per la fase difensiva e di copertura piuttosto che per quella offensiva di spinta sulla fascia. Quando imposta l'azione e quando sale palla al piede dalla sinistra tende a rientrare per aprire il gioco o crossare con il piede preferito. Buoni doti atletiche ,che unite ad una grinta non indifferente, rendono Santon un diamante grezzo da tirare a lucido proprio come era successo per Juan Jesus.

Dicono di lui

Mourinho stravedeva per il giovane Santon, lo riteneva uno dei prospetti più interessanti del panorama calcistico tanto da farlo esordire nel big match di Coppa Italia contro la Roma il 21 gennaio 2009. Poi, con il cambio di allenatore nel 2010, il terzino vide ridursi il proprio impiego nell'undici titolare nerazzurro. Dopo l'errore decisivo sul gol segnato da El Shaarawy a Milano, l'anno scorso Spalletti disse: "Non deve chiudere scusa a nessuno. Anzi, se lo fa non lo faccio più giocare. Non è facile parlare dal divano e dai salotti, sul campo è tutta un'altra cosa: sono cose che succedono"

Curiositá

Mourinho lo chiamava sempre "il bambino" davanti alle telecamere. Condivide un passato simile a Balotelli, poiché entrambi sono esplosi come calciatori da giovanissimi ed entrambi successivamente hanno "smarrito" il buon inizio di carriera. Ad oggi sono entrambi in cerca del riscatto professionistico. Santon è rimasto famoso anche per la grande prestazione contro il Manchester United nel 2009 ed in particolare per aver "annullato" Cristiano Ronaldo durante quella partita difficile da dimenticare.

Profili social: Facebook Instagram
Letture consigliate: "La notte in cui Santon annientò CR7"