Il direttore sportivo della Roma Monchi ha parlato prima della sfida contro il Benevento, gara valida per la quinta giornata della serie A. Queste le sue parole a Mediaset Premium:

Oggi è il suo compleanno, vuole un bel regalo dalla Roma? 

Sarebbe un bel regalo per me. Manca qualcuno, ma abbiamo altri giocatori importanti. Per noi oggi è una partita molto importante. Manca qualcuno e dobbiamo tenere il passo delle altre.

La Roma può ambire allo scudetto? 

Adesso dobbiamo pensare partita per partita. Poi dobbiamo essere ambiziosi per aspirare a vincere, ma la nostra idea è quella dei tifosi della Roma. C'è ancora tanto tempo fino a fine stagione, in questo momento l'importante è vincere.

Lei è stato chiamato per aprire un nuovo ciclo o migliorare i risultati?

Io sono arrivato per un progetto del presente e del futuro. La società vuole dare felicità ai tifosi, è importante per il club, la città e i tifosi vincere qualcosa. Non ho paura di parlare di vincere, la Roma è una grande società e deve vincere.

Durante il mercato si pensa anche a prendere dei giocatori che possano far cambiare idea sull'assetto tattico al mister o solo giocatori adatti al modulo del tecnico? 

Il mio lavoro è trovare dei giocatori pronti per il modulo che ha l'allenatore, non posso pensare ad altro. Il mio lavoro è anche trovare giocatori che possono giocare in altre posizioni, ma sulla base del modulo del tecnico.

Schick è già pronto per fare il ruolo di esterno? 

E' una possibilità, può giocare in due posizioni diverse, centrale o esterno. E' un esterno che gioca in maniera diversa, gioca più al centro, ovviamente non può fare tutta la fascia, ha giocato bene quei 20 minuti col Verona. Il ruolo di Schick è quello. Se il mister pensa di utilizzarlo da vice-Dzeko lo può fare.