Nel dopo partita di Roma-Udinese, terminata 1-0 per i giallorossi grazie alla rete di Dzeko, è intervenuto ai microfoni di Sky l'allenatore bianconero Igor Tudor. Queste le sue parole.

"Sicuramente bravura della Roma, Faccio loro i complimenti. Siamo venuti qui con i nostri mezzi, per cercare di strappare qualcosa. A volte abbiamo fatto bene, altre la Roma ci ha schiacciato. Dispiace per il gol, concesso in questo modo strano con De Rossi che era a terra. Ma faccio i complimenti ai ragazzi e vado avanti".

Rimane fiducioso?
"Chiaro, bisogna esserlo. Siamo partiti bene, ora abbiamo la Lazio e poi il Sassuolo. C'è ancora da lottare e c'è tanto in ballo, prendiamoci quanto di buono fatto stasera".

Un commento sull'errore di Samir?
"Non ho parlato con lui, ma la giustificazione non c'è. Bisogna giocare e non aspettare il fischio. Se non si fermava sarebbe stato lì. Bisogna migliorare anche in questo, è una questione di concentrazione, può capitare. Dispiace perdere così".

Quali i difetti da migliorare?
"Mi servirebbe un mese di lavoro, ma non c'è tempo e dobbiamo adattarci. Dopo il Sassuolo ci sarà tempo, mi piacerebbe dare un po' di intensità, a questa squadra serve e fa cambiare il volto ad una squadra. Per i miei gusti, non mi piace aspettare. Voglio aggredire, ma mi devo adattare alla squadra e al momento, per cercare di migliorarla ogni giorno".

La quota salvezza si alza?
"Non guardo la classifica, mi concentro su cosa posso campare e sui punti che siamo in grado di fare. La Spal è stata brava e anche fortunata per il calendario, ma va bene così. Guardiamo a noi stessi, cresciamo e miglioriamo: conta questo alla fine".