Harry Kane racconta José Mourinho. L'attaccante del Tottenham è stato intervistato da Gary Neville per SkyBet, e ha parlato del rapporto con lo Special One, prossimo allenatore della Roma. Queste le sue parole.

Le differenze tra Mourinho e Pochettino
"Il lavoro era praticamente completamente diverso se devo essere onesto. Nello stile di gioco, nel modo in cui si sono organizzati, nell'allenamento tattico. Ovviamente con Mauricio facevamo un sacco di lavoro in palestra, mentre José non ci si concentrava così tanto. Ma Jose ovviamente si aspettava che fossimo uomini e ci comportassimo come uomini in campo, che fossimo leader in campo. Ad essere onesti, probabilmente è lì che non ha funzionato del tutto con José: non avevamo abbastanza leadership di cui avevamo bisogno in quel momento. Ovviamente il club era in una fase difficile, con Mauricio esonerato non è mai facile arrivare per un nuovo allenatore".

Sul rapporto con Mourinho
"Penso che con José ho avuto un ottimo rapporto, ci siamo trovati dal primo minuto. Penso che ci capissimo, avevamo una mentalità simile e avevamo lo stesso modo di vedere le cose in campo, fuori dal campo e in allenamento, quindi abbiamo costruito quella relazione. Ancora una volta è un peccato che non siamo riusciti a vincere, ma ho avuto la fortuna di lavorare con Mauricio e Jose, sono due allenatori incredibili che mi hanno sicuramente aiutato nella mia carriera".

I punti di forza di Mourinho
"José ha così tanta esperienza al massimo livello e cerca di fare qualsiasi cosa per vincere. José voleva solo vincere. Questa era la mentalità che stava cercando di mettere nei giocatori degli Spurs: fare di tutto per vincere. Penso che siamo diventati più intelligenti, ma forse c'erano delle relazioni che non funzionavano del tutto nel Tottenham. Ma dal mio punto di vista, è stato fantastico per me".