In Inghilterra si è accesa una furente polemica sul tatuaggio di Raheem Sterling. Il talento del Manchester City, infatti, è stato fotografato durante gli allenamenti e, grazie a quegli scatti, si è notato un fucile tatuato sulla gamba destra. Questo ha causato una immensa polemica, che ha portato il Sun a chiedere al giovane inglese un "passo indietro", rinunciando al Mondiale di Russia 2018. Raheem Sterling ha risposto così: "Quando avevo due anni mio padre fu colpito da dei proiettili. Mi ero ripromesso che non avrei mai più toccato un'arma in vita mia. Visto che con il mio piede destro "sparo" i miei tiri, ho pensato che il tatuaggio avesse un significato più profondo di quello che rappresenta".

La polemica, però, è continuata anche nei programmi televisivi britannici questa mattina, con alcune prese di posizione ritenute sui social "discutibili", soprattutto perché giunte da un conduttore tifoso dell'Arsenal:

Nel frattempo, la maggior parte dei tifosi inglesi sembra essersi schierata dalla parte di Sterling.