«Abbiamo cercato di giocare come vuole il mister». Parola di Diego Perotti, l'ultimo a segnare un gol l'anno scorso e il primo a farlo questa estate, due volte capitano nelle due amichevoli finora disputate dalla Roma. Ieri, nel 10-1 al Trastevere, il numero 8 è entrato nel secondo tempo segnando anche un gol. L'argentino non può certo dirsi colonna portante della Roma 2019-20, ma ne è uno degli elementi più esperti, oltre a rappresentare una valida alternativa per l'attacco, soprattutto per via delle sue caratteristiche che lo differenziano molto dagli altri esterni giallorossi. «Fisicamente stiamo crescendo molto e queste partite servono per mettere in campo tutte le indicazioni del mister. Quando c'è un tecnico con nuove idee non è mai facile all'inizio, ma comunque cerchiamo di fare ciò che ci chiede». 

Di Perotti, ciclicamente, si parla di un ritorno al Boca e lui, altrettanto ciclicamente, risponde che vuole restare a Roma. Lo ha fatto anche ieri a bordo campo ai microfoni di Roma TV: «Ho voglia di riscatto, purtroppo la scorsa stagione è andata malissimo e in questa spero di rifarmi, abbiamo avuto tanti infortunati e, se non li avremo, potremmo fare molto meglio. L'intesa con Spinazzola? Conosciamo le sue qualità dai tempi dell'Atalanta, sarà una bella sfida con Kolarov, dico che siamo coperti bene in quella zona. Come ci stiamo trovando con Fonseca? Bene, poi è normale che bisogna fare le cose in maniera diversa con un nuovo mister. Ce la stiamo mettendo tutta, non è facile anche perché lui non parla la nostra lingua. Noi stiamo dando tutto per una stagione che si prospetta lunga, penso che stiamo provando a fare le cose che ci chiede. Le differenze rispetto a Di Francesco? A noi esterni chiede di giocare tra le linee e cercare lo spazio, lasciando ai laterali la zona aperta del campo. Se ci abituiamo a fare bene questo, possiamo fare bene. Sono piccole cose che aiutano il nostro gioco».

Il ritiro è finito

Il triplice fischio dell'arbitro ha sancito anche la fine del ritiro estivo della Roma. Fonseca ha concesso un giorno di riposo e da domani - il giorno della presentazione di Diawara - riprenderanno le sedute di allenamento, che saranno spesso doppie, senza che però i giocatori debbano rimanere a dormire a Trigoria.

Tra i tanti volti nuovi al "Bernardini", i calciatori conosceranno anche quello di Tiberio Ancora, "educatore alimentare" e personal trainer voluto da Fonseca nel suo staff, che affiancherà il nutrizionista Guido Rillo. Quello di Ancora, ex calciatore, è un curriculum importante: tra le molte esperienze professionali ad alto livello, si segnala anche la collaborazione con la Nazionale ai tempi di Antonio Conte, suo conterraneo salentino così come il ds Petrachi.