L'iniziativa

Claudio, il romanista di Bergamo: "Grazie Roma, sempre attenta a noi tifosi"

Il tifoso è riuscito ad acquistare un biglietto per la partita con la Cremonese: "Ho sentito di essere importante per la mia squadra, non un numero, come accade altrove"

Claudio Tombolini, tifoso giallorosso

Claudio Tombolini, tifoso giallorosso

Matteo Vitale
22 Luglio 2022 - 14:15

"Ho sentito di essere importante per la mia squadra, non un numero, come accade altrove". A parlare è Claudio Tombolini, tifoso romano che da oltre 20 anni vive a Bergamo. È il protagonista di una storia che poteva finire in maniera spiacevole, ma che grazie alla sensibilità mostrata dalla dirigenza della Roma nei confronti dei propri tifosi è finita nel migliore dei modi. Facciamo un passo indietro: Claudio ha provato a prendere il biglietto per la partita Roma-Cremonese, per seguire la squadra che ama come spesso fa con il Roma Club Bergamo (che conta oltre 100 iscritti e il cui motto è “nati in trasferta”). "Io sono in carrozzina - ci racconta - ho chiamato per prendere il biglietto, la signorina è stata gentilissima e il sito della Roma funziona benissimo: la prima volta ti chiedono il certificato di invalidità per farti accedere alla tribuna per persone con disabilità e loro a differenza di altre società lo mantengono. Funziona bene: prendi il tuo biglietto, per te e l’accompagnatore, paghi perché è giusto così, nessuno ha bisogno di elemosina. La signorina mi dice che purtroppo c’è un blocco, di non poter dare biglietti ai residenti in Lombardia in una gara contro le milanesi".

La prima reazione è stata l’incredulità, poi la rabbia, con tanto di sfogo social. Poi ha contattato la società giallorossa, che gli ha spiegato come il blocco delle vendite ai tifosi residenti in Lombardia sia prassi nei casi di vendita molto anticipata dei biglietti, in maniera preventiva e in attesa del definitivo pronunciamento dell’Osservatorio. Nel chiarimento immediato, la rassicurazione: "Si sbloccherà tutto". E così è stato. La società si è messa in moto e dopo poco più di una settimana, due giorni fa, è arrivata la telefonata di un funzionario che gli ha annunciato lo sblocco della vendita dei biglietti. Appena ha potuto, Claudio ha comprato il proprio tagliando e ha subito ringraziato sui social il club giallorosso, per l’attenzione e la celerità con le quali si è mosso per risolvere il problema di un singolo tifoso. "Mi ha chiamato la Roma, capito? La società è attenta ai tifosi, si è mossa in prima persona per aiutarmi, hanno una grandissima premura verso noi tifosi". Tutto è bene quel che finisce bene. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tags: